Home > Kreuzeck > Salzkofel (2498m), l’ultima delle 60 Cime dell’Amicizia

Salzkofel (2498m), l’ultima delle 60 Cime dell’Amicizia

A completare la collezione delle 60 Cime dell’amicizia (Friuli, Slovenia e Carinzia) l’ultima ciliegina sulla torta era rimasta questa lontana vetta il cui nome ha l’evidente significato di montagna del sale facente parte del gruppo del Kreuzeck, poco frequentato e di altezza minore rispetto ai Tauri ma con lo stesso tipo di roccia poco adatta alle arrampicate. Ben delimitato si eleva fra la Drava e il suo affluente Moll rispettivamente a Sud e a Nord a Ovest termina al passo dell’Iselberg. Monti un po’ sfigati e verdi in estate che tuttavia nelle stagioni di mezzo offrono l’occasione di belle escursioni in ambiente pastorale e solitario. Il punto di partenza per la gita in questione è la cittadina di Sachsenburg, nei pressi di uno sbarramento sulla Moll che ha formato un lago artificiale. Il più breve approccio è per Monte Croce Carnico tutto su statali, da Tarvisio il percorso chilometrico è più lungo ma scorrevole l’esborso  è ben diverso a causa dei pedaggi. Lasciamo il Friuli in una classica uggiosa giornata autunnale ma con sorpresa in Austria il clima, anche se alquanto fresco, migliora e il sole fa la sua comparsa. Le poche righe della descrizione sul libretto e la mancanza di ulteriore documentazione, a parte la carta stradale che si rivelerà in fondo sufficiente, ci fa perdere un po’ di tempo ma alla fine ci orientiamo. Poco a S della località nominata si prende a destra una strada forestale che s’inoltra nella Nigglaital, tal sta per valle, percorribile in auto fino al Gasthof Ambros 960m dove arriviamo anche grazie alla Land Rover del amico Gigi. Il percorso anche se lunghetto risulta piacevole, si costeggia il torrente giostrando fra le due fra le due rive transitando accanto a tipici stavoli e vetusti fienili di tronchi. Faggi e Larici sono all’apice del foliage, ci accompagna il dolce suono dell’acqua che scende con rapide e cascatelle. La mulattiera è ben segnalata e conduce fino al circo terminale dove si trova il rifugio Salzkofel Hutte 1987m, che vista la stagione avanzata rimane chiuso. La nostra meta si erge Est, si comincia con un sentiero abbondantemente segnalato che sale fra massi e bassa vegetazione fino al tratto roccioso della salita. Qui seguendo i cavi di una facile via attrezzata si guadagna la cresta, la cima con la consueta grande croce è a pochi passi. Il panorama verso le due vallate è fantastico come la vista sulla moltitudine di vette che appaiono.  Via dai patri lidi non siamo in grado di identificare tutti i monti che ci circondano, vedremo di fare i compiti a casa. Come di consueto ci riproponiamo ulteriori visite di approfondimento (che non verranno mai) prima di ridiscendere per la via conosciuta. Non resta che andare alla ricerca di un Gasthof dove ritemprare le forze.

Sentiero 342-341, 1500 m di dislivello, la guida dice 4 ore e mezza. Con Gigi e Eliana nell’Ottobre 2005.

1-autunno-in-nigglaital

2-ponte-sul-torrente

3-larici-fiammeggianti

4-uno-stavolo

6-bosco-di-larici

7-il-rifugio

8-lanfiteatro-del-salzkofelhutte

9-il-sentiero-a-monte-del-rifugio

10-il-compagno

11-e-con-questa-fanno-60

12-il-gruppo-del-kreuzeck

13-lienz-e-la-valle-della-drava

14-veduta-sui-tauri

15-la-discesa

16-la-vetta-raggiunta

Categorie:Kreuzeck Tag:,
  1. Meta
    ottobre 13, 2016 alle 10:14 am

    Complimenti!

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: