Home > Polemiche sull'etica dell'Alpinismo > Emigranti, Migranti e ascendenti

Emigranti, Migranti e ascendenti

Come moltissimi friulani discendo da una famiglia di emigranti, il nonno paterno faceva il fornaciaio in Germania tornando a casa giusto il tempo per ingravidare mia nonna che morì di parto alla nascita di mio padre che fu allevato dalla matrigna. I fratelli? Uno minatore in Belgio(mai ritornato), un altro in Cecoslovacchia, il terzo muratore in Bretagna dove sono stato in visita due volte, la prima con mio padre e la seconda in luna di miele con mia moglie. Delle sorelle la maggiore si è sposata con un emigrante (a Pontarlier nel Lionese) mentre la più bellina, che era domestica in una famiglia borghese di Trieste, si maritò con il figlio del datore di lavoro. Mio padre, classe 1903, già prima dello scoppio della guerra era apprendista fornaio a Brazzano di Cormons che faceva allora parte dell’Impero Austriaco (il forno esiste ancora oggi) e durante il conflitto in Francia con lo stesso mestiere. Tutti questi come altri numerosi corregionali non mi risulta abbiano mai creato problemi ai Paesi che li ospitavano adeguandosi con riconoscenza agli usi e all’alimentazione locali e chiedendo permesso prima di entrarci. Più di recente un amico d’infanzia mio coetaneo per sua disgrazia figlio di nessuno (come si chiamavano in quei tempi i nati fuori dal matrimonio) rimasto orfano anche di madre emigrò in Svizzera come muratore ospite di uno zio, diventato maggiorenne andò a vivere da solo, per essere in ritardo con la pigione venne accompagnato dalla polizia fino al confine in manette e senza possibilità di ritorno. Sul Lago Maggiore poi trovò prima il lavoro e mise la testa a posto mettendo su famiglia. Numerose sorelle aveva invece mia mamma figlia di un piccolo contadino per i tempi benestante. Quasi tutte mandate serve fino a Roma per preservare l’unico maschio, dalla città imperiale una ritornò incinta di una cara cugina, la più spregiudicata si stabilì nella capitale facendo la manicure alla stazione Termini trovando anche un compagno (Il Trullo a detta di mio padre).

Ora di questi migranti (senza la e) che andiamo a prendere praticamente in Africa o a raccogliere poco più in su quasi nessuno si dirige verso la Spagna o la Grecia, la Francia con le sue ex colonie ha già, come si è visto i suoi problemi. Sono tutti giovani maschi aitanti che però sono delicati, bisogna rispettare le loro usanze e costumi in fatto di alimentazione, non come i nostri nonni, che consumavano grati la sbobba somministrata al prezzo di un duro lavoro. Di lavorare non se ne parla, sono arrivati nel paese di Bengodi, ci disprezzano ma non si adattano, noi dobbiamo adeguarci. Alla consueta giornata ecologica, alla quale partecipo come alpino, l’anno scorso c’erano una decina di pachistani ospiti di un centro d’accoglienza vicino che per un giorno hanno tralasciato le loro ludiche attività, televisione e partite di calcio La pasta offerta come di consueto dall’amministrazione comunale, “per rispetto ai nostri ospiti” era senza ragù. Non ho parole. Provate ad andare in un qualsiasi paese islamico a chiedere una birra. Grazie anche ai nostri preti di frontiera che saranno i primi a lasciarci comunque le penne nel caso che…

  1. Hotel Villa Reale
    agosto 19, 2016 alle 11:34 am

    Veiso rasòn…! Non commento per non “rammaricarmi” e per non “dover ringraziare tanti nostri (!)…politici”. Mandi e con tanto di rispetto per quanto detto.

    Mario di Grau

  2. alessandro
    agosto 21, 2016 alle 1:52 pm

    Compliments intant pal spirt ,cugnussinze e pe maniere di lâ in mont. (O ai scuviart che cun te al ven ogni tant un ex colleghe nevio c. ) o conven cun te su ogni comment e valutazion sui migrants e no mi sint un razzist. Rispiet par ducj ma se ai”ospits”se no i plâs al nestri mût di vivi e puedin benissin tornâ cjase lôr ! Prove tu a lâ a fâ alc che no vâ ben tai lôr paîs…in australie al prin ministri ; no o sin cussí e no cambîn se jus plâs o tornais par lâ che o sês vignuts…mandi e grasie dai toi itinararis che jó ogni tant o cupii…

  3. giorgio
    agosto 23, 2016 alle 2:52 pm

    sono pienamente d’accordo !!!

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: