Home > Prealpi Carniche > Pala dei Larici e Lovinzola, quando d’autunno c’era la neve

Pala dei Larici e Lovinzola, quando d’autunno c’era la neve

Fine Novembre 1996, per l’annuale marronata dei ravanatori esce dal mazzo la Casera Presoldon, ben riattata a bivacco e sempre aperta ai viandanti. Situata alle falde SE del monte Verzegnis a quota 1314m è facilmente raggiungibile dalla sella Chianzutan 950m in un’oretta e unendo l’utile al dilettevole consente anche di salire una o più cime del complesso massiccio. Assieme a Nevio parto nel tardo pomeriggio del sabato, passato il Tagliamento a Tolmezzo e dopo avere attraversato i numerosi paeselli del comune omonimo arriviamo al valico con le ultime luci. La suggestiva salita con le pile frontali e la neve presente già all’inizio del cammino risvegliano memorie dei tempi eroici, andando nel pratico la stradina iniziale diventa sentiero con il n. 809. Alcuni giovani sono già in loco, il fuoco nel caminetto arde e viveri e bevande non sono razionati. La relativa quiete viene rotta un paio d’ore dopo dal rombo di un motore, si tratta della gialla Land Rover di BB che con il suo degno navigatore Maurin e sommo sprezzo di pericoli e regolamenti hanno percorso la forestale, dal baccano che fanno devono essere reduci dal Rally delle frasche orientali…

1 Salita notturna alla casera

2 Salita alla casera Presoldon

3 Accanto al caminetto

4 La mitica Land Rover gialla

5 Durante la serata spuntano le carte

Nonostante le premesse il mattino dopo uno sparuto gruppetto accompagnato dal candido pastore maremmano a nome Kira batte la pista sulla dorsale Est del Colle dei Larici (1779m), larga e comoda salvo che in un breve tratto più ripido che comunque anche il cane, dopo un paio di tentativi falliti supera elegantemente. In cima ci aspetta un vento siberiano che aumenta ancora scendendo a Nord alla forca di Cjanalete (dove passa la strada). Subito al di là ci alziamo lungo la cresta Sud del Lovinzola (1868m) guadagnandoci anche la seconda cima della giornata, ora con la coscienza più tranquilla possiamo tornare a baita optando per la strada di servizio della cava di marmo (il noto Rosso di Verzegnis) ancora in funzione. Qui la festa è in pieno svolgimento, il numero dei partecipanti è aumentato ancora, nel finale c’è anche l’esibizione, piuttosto penosa, del coro. Esaurite le riserve e pulito tutto ridiscendiamo.

6 Il mattino seguente

7 Salita alla Cima dei Larici

8 La Cima dei Larici

15 Verso O Verzegnis e Cormolina

9 Verso NE Amariana, Zuc Dal Boor e le Giulie

10 Discesa alla Forca di Cjanalete

11 Salita al Lovinzola

12 Il Lovinzola

13 La Croce di vetta

14 Non si può affermare che non c'era neanche un cane

 

16 Verso Sud la pala dei Larici, in secondo piano Picjat e Piombada

17 Uno sguardo a Ovest

18 Tormenta in forcella

19 Il Lovinzola

20 In discesa

21 Alla casera

22 La tavolata

23 Poi si esibiscono i coristi

24 E' ora di partire

25 Le luci del crepuscolo

 

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: