Home > Dolomiti Friulane > Monte Libertan e, imprevisto, il Chiarescons dalla Pussa

Monte Libertan e, imprevisto, il Chiarescons dalla Pussa

Sul mio diario non ho trovo alcun scritto a parte data e nomi delle mete, quindi le alternative sono o fidare nei ricordi o scopiazzare nelle notizie altrui. Allora per questa (come per altre gite) ci gioviamo della guida di Sergio Fradeloni “Dolomiti di sinistra Piave e Prealpi Carniche”, prematuramente scomparso per la malattia del secolo parecchi anni fa. Come da relazione ci avviciniamo dalla strada che poco prima di Claut (val Cellina) sale fino alla Pussa lungo la valle del torrente Settimana, al tempo sterrata, stretta e tortuosa (non è che ora sia molto migliorata) fino allo slargo dove a 940 m di quota si trova il rifugio Pussa presso le sue sorgenti. Posto assai ameno, affollato in stagione da bagnanti e braciolantes, ma oggi, addì primo novembre del 99,  per ora mattiniera e clima è completamente deserto. La giornata ci è propizia con tempo stabile, la meta che ci siamo prefissata è il monte Libertan 2061 m, descritto nel libro citato. Guadato il corso d’acqua saliamo in pochi minuti al rifugio, il sentiero 364 gli passa sopra e verso sin. sale dapprima  nella valle delle Camoscie alto sul rio Stuèt (l’it. principale è diretto a forcella Lareseit, spartiacque con la valle del Tagliamento). Oltrepassati ruscelli e cascatelle saliamo dopo nel bosco fino alla ex radura della scomparsa casera Libertan dove abbandoniamo i segni traversandola verso destra fra i larici. Proseguendo poi fra i mughi entriamo in un facile canalino roccioso che in effetti è il letto di un torrente. Salendo diritti anche dove questo termina, per detriti, mughi e verdi, arriviamo a una sella da dove si occhieggia un bell’anfratto fra quello che reputiamo essere il  Cjarescons e una sua anticima, l’ambiente di chiaro calcare è inconsueto quanto affascinante e ci mettiamo qualche tempo a orientarci e identificare il Libertan, 2087m che si trova a Sud, è un pinnacolo dove non tutti i componenti arrivano, bisogna arrampicare su roccia non troppo affidabile dopo aver superato un facile cocuzzolo. La cima alquanto ristretta non permette distrazioni ma la vista ripaga ampiamente le fatiche. Ridiscesi e risaliti di nuovo alla sella (sarà questa forcella Libertan?) entriamo nell’anfratto intravisto notando sulla sinistra degli sbiaditi bolli rossi sulle placche, la rampa non sembra impossibile, lasciamo qui gli zaini e qualche compagno prima di cominciare la salita. La qualità della roccia si rivela migliore di quella del Libertan con difficoltà max. di II, al termine una facile crestina ci porta verso destra alla croce di vetta del Chiarescons, 2168 m. Che è poi  la più alta del gruppo Caserine-Cornaget con affaccio sulla valle del Tagliamento. Non ci sono alternative per la discesa, quando arriviamo ai larici che conducono al sentiero segnalato un partecipante estrae dallo zaino una fiasca di grappa fra le proteste di un finto integralista: “no si bef sgnape in montagne” ma poi anche lui tira qualche sorso. Finite le scorte di sopravvivenza ha inizio la ritirata, con le ultime luci arriviamo al parcheggio. Ben sette partecipanti.

1 Il torrente Settimana nei pressi della Pussa

2 Cascata nella valle delle Camosce

3 Salendo a forc. Libertan appare il Duranno

4 Forcella Libertan

5 Il Cjarescons

6 In pausa alla forcella Libertan

7 Angolo rupestre nei pressi della sella

8 L'anticima del Libertan

9 La vetta non è proprio elementare

10 I tre lupi grigi sul Libertan

11 Verso E le Caserine

12 Cjarescons, l'attacco

13 Sulla rampa rocciosa

14 C'è qualcuno che si sollazza

15 I tre dell'Ave Maria

16 Camminando in cima

17 I tre amici

18 Anche l'umile redattore viene immortalato

19 Scendendo una vista sul Cjarescons

20 Tutti allegri dopo il bicchierino di grappa

21 I larici sono subentrati ai pascoli dell'ex casera

 

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: