Home > Dolomiti Orientali > Lavinòres 2462 m, nello splendore autunnale

Lavinòres 2462 m, nello splendore autunnale

Due anni esatti sono trascorsi da questa gita fatta il secondo giorno di Ottobre del 2013 con tutto lo stato maggiore dei pensionati affrontiamo la lunga trasferta fino a Cortina. Dalla perla della Dolomiti impavidi proseguiamo ancora in direzione di Dobbiaco fino al tornante dove a sinistra si dirama la stradina asfaltata che conduce al rifugio Ra Stua, 1668m, al momento chiuso ma molto affollato durante l’estate. La scelta della data non è casuale, in piena stagione il traffico è vietato e si è obbligati a prendere la navetta, l’altra opzione è salire a piedi. La giornata si presenta eccezionale e il luogo ha ritrovato la pace, la nostra vettura,  l’unica presente nel parcheggio, ci conferma che la scelta è stata oculata. La cima, che appare come un lungo crinale orientato da Est a Ovest è già visibile dal rifugio ed è uno dei tanti satelliti più o meno accessibili della regale Croda Rossa. Proseguiamo praticamente in piano camminando sulla continuazione della strada, ora a fondo naturale e con divieto, verso Nord in ambiente pastorale fino a un bivio presso una baita in legno dove svoltiamo a sinistra. Ora la stradina si alza a lunghi tornanti in un bel bosco di conifere,  prevalgono larici e cembri, fino a una sella poco accentuata al confine con la valle di Marebbe in Alto Adige. Quasi senza dislivello arriviamo sulle rive del lago di Fodara (1990m) che è ridotto a poco più di una pozzanghera, ma purtroppo non ci sono indicazioni o segni per la nostra meta. Svoltiamo comunque a sinistra costeggiando lo specchio d’acqua, solo dopo questo e quando si comincia a salire troviamo una traccia sempre più evidente che si dirige alla sella a Est del Lavinòres. Raggiunta questa si prosegue sulla elementare dorsale erbosa fino alla quota massima. Il clima frizzante ma non troppo freddo ci permette una sosta abbastanza lunga per ammirare il panorama che la giornata nitidissima permette di apprezzare in tutto il suo splendore. Cortina è sotto di noi circondata dalle Dolomiti, verso N Tauri e Aurine sono già imbiancati dalla neve… cosa desiderare di più? Ahimè, pur con la vista in calo per l’età i compagni hanno già preso di mira il rifugio Fodara Vedla, aperto nonostante la stagione avanzata, bisogna trarne profitto. Decidiamo quindi di proseguire sulla simpatica cresta Ovest. Per la quale si passa da un’anticima (quotata 2411m), in seguito si abbandona il filo con uno spostamento a sinistra per poi perdere quota decisamente aggirando lo sperone. Qui l’ambiente è più roccioso e occorre prestare qualche attenzione,  l’orientamento è garantito dai soliti ometti.  Alla fine capitiamo nel letto di un torrente, qui troviamo anche l’acqua che sparisca sotto i sassi. Quando ne usciamo traversiamo a vista fra pascoli e boschetti (siamo riusciti a perdere ometti e segni o forse non ci sono) in direzione del rifugio, Occhio di Falco aveva visto giusto! Cameriere in costume tirolese, vasi di fiori ecc. ecc. Gli assetati amici si precipitano sulla birra ma si vive una volta sola e chiedo un Gewurz Traminer che mi viene servito in calice di vetro sottile come merita. Certo non va molto d’accordo con lo strudel  anche se poi ne prendiamo una bottiglia intera che rende la risalita alla sella (ben 100 m) molto laboriosa. Sei ore in totale, E in salita, EE la discesa per 800 metri di dislivello comprese le soste.

1 Ra Stua

2 Al bivio

3 Cembri

4 La Croda Rossa

5 Sulla riva del laghetto

6 Inizio abbastanza incerto

7 Alla Forcella Est

8 La sella

9 Verso la Cima

10 La vetta

11 Cunturines, Sasso delle Nove e delle Dieci

12 Val di Marebbe

13 Tofane e Fanis

14 Discesa a O

15 In discesa

16 Il rif. Fodara-Vedla

17 La cima del Lavinòres

18 Una bella baita

19 Tornando si ha di fronte la Croda Rossa

20 Pomeriggio fra i larici

21 Contrasti sulla Croda del Becco

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: