Home > Alti Tauri > Innerer Knorrkogel (2884m) per l’ultima valle

Innerer Knorrkogel (2884m) per l’ultima valle

Il nome richiama alla mente mente una nota marca di dadi per il brodo, Innerer potrebbe significare di dentro, e per questa salita, come molte altre nei territori di lingua tedesca, mi avvalgo della consulenza dell’amico Ermanno (Hermann per gli amici). La montagna si trova alla periferia SE del gruppo, non raggiungendo neanche i canonici 3000m di quota fa una meschina figura fra i colossi circostanti. Dei quali però offre una strepitosa visione. Il punto di partenza è Gruben, il paese che precede il Felbertauerntunnel con un tragitto in auto piuttosto laborioso per chi proviene dall’Italia. Tralascio la prima parte, da Lienz si prosegue verso NO seguendo il corso dell’Isel fino a Matrei, qui la strada sale a destra verso la galleria e in breve giunge al nostro paesello,circa 1200 m di quota. Da buoni italiani cerchiamo di furbeggiare imboccando una recente strada forestale che sale ancora ma termina in piazzale con una ruspa ferma in attesa di proseguire i lavori. Anche la nostra Skoda tira un sospiro di sollievo. Andiamo in cerca di un sentiero che purtroppo non esiste, ci affacciamo a Sud, il torrente che percorre la Frossnitztal è laggiù in fondo, si vede anche lo stradello che risale la bella vallata. Da essa ci separa un pendio incespugliato con x metri di dislivello che sembra anche praticabile, il problema è che toccherà risalirlo al ritorno. E’ tardi per cambiare destinazione e ci buttiamo nella giungla, è anche peggio del previsto e stasera ci divertiremo un sacco, infine posiamo i piedi sulla strada sterrata che corre alta sulla riva destra (salendo). C’è stata una recente nevicata e in alto le vette sono ancora bianche rendendo il paesaggio ancora più suggestivo. Purtroppo come accade di frequente fra questi monti, oltre che amena la valle è lunghissima, passiamo accanto a degli alpeggi, il più grande ha l’aspetto di un villaggio con le case in pietra. Incontriamo solo bovini in questo primo settore (e anche successivamente), verso la testata traversiamo l’impetuoso torrente su un ponticello in legno dove la gita cambia carattere e pendenza. Il sentiero risale fino allo spallone dove si profila la sagoma del rifugio Badener (2608 m). La salita si rivela piuttosto dura, non ci si arriva mai. Il gestore ci accoglie gentilmente, il luogo non è molto frequentato, ci sovrasta la bellissima Kristallwand, un oltre 3000 ammantato di neve, pernottando qui si potrebbe anche salirla… Faccio una breve digressione sui clienti di questi  alti rifugi, i migliori clienti sono perlopiù gruppi di teutonici, anche avanti cogli anni, che fanno delle lunghe alte vie snobbando le cime. Dopo una doverosa birra salutiamo il cordiale gestore e traversiamo verso est a saliscendi sul sentiero segnalato alla forcella (Lobben Torl, 2770m). Da questa ci inoltriamo sulla facile cresta di gneiss che porta alla cima designata. Devo dire che rare volte ho goduto di un affaccio simile su vette in gran parte sconosciute (a parte il Glockner e il Venediger)sovrastano i vastissimi ghiacciai. Ora la discesa, non ci sono alternative alla via conosciuta, solo che ci caliamo direttamente alla stradina per verdi e detriti (nessuna difficoltà) senza ripassare dal rifugio. Sulla stradina va tutto bene fino alla rampa che si alza verso il parcheggio dove occorre sputare i proverbiali pallini. Poi la Skoda, che conosce bene pilota e passeggero, ci scarica per il dopogita al Vecchio Mulino di Matrei.

Agosto 2003. Una stringata relazione si trova nel volume “I Monti della Valle Aurina” di Fincato e Galli, io i tempi non me li sono segnati, il libro indica 4 ore e mezza per il rifugio, per la forcella dice solo che si deve seguire la Badenerweg ma non indica il tempo di percorrenza. Dalla sella alla cima 20 minuti.

1 Panoramica sulla Frossnitztal

2 Le cime che chiudono la vallata

3 Il viottolo che risale la valle

4 Vetuste baite

5 Alla vacca non interessa il panorama

6 Villaggio stagionale

7 Retrospettiva

8 Un ponticello porta sulla riva opposta del torrente

9 Il costone del rifugio e la Kristall Wand

10 Badener Hutte

11 Il rifugio, l'insegna dice tutto

12 Traversata al Knorrkogel

13 Lobben Torl

14 Il Gross Venediger

15 Panorama sugli Alti Tauri, a destra il Glockner

16 Comunque una cima ce la siamo guadagnata

17 Un ultimo sguardo verso N

18 Sulla via del ritorno

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: