Home > Alpi Pennine > Trifthorn (3728 m) – traversata dal rifugio del Rothorn al Gran Mountet per la cresta S e il versante N, AD

Trifthorn (3728 m) – traversata dal rifugio del Rothorn al Gran Mountet per la cresta S e il versante N, AD

Siamo al quarto giorno di permanenza fra le cime della Couronne de Zinal (come dagli articoli precedenti) e il risveglio alla Cabane du Rothorn sopra la Mattertal (3178 m) è piacevole, già la veduta che si gode dalla finestra del rifugio è molto bella e all’esterno non può che migliorare al caldo sole del mattino. Oggi dobbiamo ritornare alla Cabane du Mountet dove abbiamo lasciato in uno dei cestini a disposizione dei clienti, una delle tradizioni di questi ricoveri, parte del contenuto dei nostri sacchi. Il percorso migliore e anche più sicuro rimane quello della traversata del Trifthorn, fra lo Zinalrothorn e l’Obergabelhorn, una cima che posta in un altro contesto avrebbe una più alta considerazione mentre qui fa la figura di un nano fra i giganti. Partiamo comodamente alle otto e un quarto rimontando il piccolo Triftgletcher fatto in discesa il giorno prima mirando alla rocciosa sella Triftjoch, la forcella a O della cima, circa 3500 m di quota. Qui ha inizio la cresta S, 200 m di solido Gneiss (via trovata dall’inglese Douglas con le guide locali Taugwalder e Inhabnit nel 1865, AD) che si svolge anche affilata fra placche e pittoreschi gendarmi con entusiasmanti scorci e panorami su cime e ghiacciai vicini e lontani. Arriviamo alla modesta croce di vetta in legno prima di mezzogiorno. La discesa è interamente sulla neve con percorso tortuoso, non vorrei farla con la nebbia, ma oggi anche se il cielo ora è velato, come nei giorni precedenti e nelle ore centrali, la visibilità è sempre buona. Percorriamo una cresta verso N e una ulteriore a Ovest scende al ghiacciaio del Mountet, superando senza problemi la crepaccia terminale. Da qui seguiamo la pista già tracciata,  compie un lungo giro ad evitare crepacci e seraccate in un ambiente glaciale di rara bellezza e ci evita comunque altri pensieri. In meno di due ore varchiamo la soglia del rifugio del Mountet con tutto il pomeriggio a disposizione.

1 Dalla finestra del rifugio verso Ovest

2 La Rothorn Hutte e la Wellenkuppe da dove siamo giunti il giorno prima

3 Inusuale immagine del Cervino

4 E' ora di partire

5 Salita al Triftjoch in alto la cresta del Trifthorn

6 Sulla cresta Sud

7 Il grandioso ambiente dell'alta montagna

8 Un passaggio della salita

9 La maestosa Dent Blanche e il Grand Cornier

10 La discesa è tutta su neve

11 Il Trifthorn dal ghiacciaio del Mountet

12 Discesa labirintica in magnifico ambiente glaciale

13 La zona dove si staccano i seracchi

14 Selvaggio mondo glaciale

15 Torniamo sulla terraferma

16 I ragazzi giocano sulle placche dietro al rifugio

17 La Dent Blanche da N ci arriverò l'anno dopo con lo stesso compagno

18 Il Trifthorn dalla Cabane du Grand Mountet

Categorie:Alpi Pennine Tag:,
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: