Home > Alpi Carniche > Monticello (La Mont, 1362m), salita per le borgate e discesa per il costone SSE

Monticello (La Mont, 1362m), salita per le borgate e discesa per il costone SSE

L’amata Creta Grauzaria ha una diramazione verso Sud che dopo la Forcje offre ancora un paio di cime minori di interesse essenzialmente panoramico oltre a vari rilievi boscosi coperti da vegetazione, la più elevata è il Cimadors Alto, separato da questo dall’insellatura del Monticello si trova appunto a Est di questa la vetta omonima, in friulano La Mont. Correva l’ann 1981 quando ero al debutto nel mondo dei montanari da autodidatta ma con l’entusiasmo dei giovani anche se stavo entrando negli ‘anta con famiglia a carico e l’onere della conduzione di una piccola azienda, le prime camminate le ho fatte proprio a Moggio e in val Aupa, erano gli anni della ricostruzione dopo il disastroso terremoto. Coinvolgo in una di queste prime imprese la mia compagna e la figlia maggiore di otto anni, da Moggio Alto alla forca e poi per Moggessa di qua e di là distrutte dal sisma all’altopiano di Monticello, con la prima  borgata rasa al suolo e le altre due risparmiate. Scendiamo poi a Grauzaria ai tempi ancora viva, c’era pure un’osteria, e da qui torniamo con il poco dispendioso mezzo del pollice alzato alla base di partenza, portando a termine in autonomia una delle traversate primaverili più gettonate dalle gite sociali di quei ormai lontani giorni.

La Forca di Moggessa

Il vecchio Mulino

Trent’anni dopo carico di anni ed esperienze propongo ad alcuni dei soliti amici più o meno coetanei comunque anziani la salita alla cima del Monticello anche se ci ero già stato da solo e nella stagione invernale, tanto ormai le ripetizioni sulle montagne di casa stanno diventando una costante, optando come di consueto per la strada più lunga e faticosa. Da Moggio Alto  ci alziamo per asfalto nel  vallone del Rio di Palis dove parcheggiamo nei pressi di un bivio, circa 400m. Una mulattiera con segnavia 418 prosegue nel bosco fino alla forca di Moggessa 665m costeggiando il torrente sui due lati, veniamo superati da un educato indigeno moto alpinista (orrore per gli integralisti dell’ambiente) che ritroveremo oltre la sella intento a rifare la traccia nel tratto dirupato detto la Ruvis con l’attrezzo leggero della naja nella Ruvis. Dalla sella si perdono  160 m per arrivare al ponte sul torrente per salire in breve al borgo di Moggessa di Qua dove contrariamente alle aspettative troviamo parecchie case ristrutturate e fervono i lavori negli orti, dopo i viottoli del paesello la via ci fa perdere ancora una cinquantina di metri scendendo al ponte del Rio Molino (chissà dov’è finito il mulino che ricordavo), dopo averlo valicato in breve mettiamo piede a Moggessa di Là anch’essa popolata, sulla piazzetta facciamo una sosta fra la chiesetta e la fontana. Continuando la nostra gita ci viene svelato il mistero di tanto movimento, poco sopra al paesello arriva una strada sterrata percorribile dalle auto. La seguiamo in salita senza entusiasmi, alti sul corso del rio Molino fino a Morolz (855 m) il primo paese dell’amena valle di Monticello che ne conta tre allineati fra la cima omonima e il monte Cimadors, anche qui fervono le attività e gli abitanti sono cordiali, incontriamo anche tre carnici con la bici di monte che vanno in senso inverso. Proseguiamo ancora fino al Borgo di Mezzo (Poldos-Durs) dove tralasciamo la strada per la mulattiera che scende a destra (segnavia 420) e dopo un’ulteriore perdita di quota di una cinquantina di m si alza alla Forca del Monticello, 922 m, cappella. L’itinerario principale scende a Moggio Alto, a sinistra una mulattiera militare in parte invasa dalla vegetazione si alza verso la nostra meta prevalentemente a Ovest della dorsale passando da due insellature, a volte appare da qualche schiarita nel bosco la Creta Grauzaria, fino a una caverna, da qui si sale per tracce alla vetta. Paesaggio molto bello sulle Prealpi, lo Zuc dal Boor e i vicini Sernio e Grauzaria, lo condividiamo con altri due ospiti. Poi ci spostiamo fra le betulle verso N anche sulla seconda cima senza alcuna fretta che la giornata rimane gradevole come clima. Seguendo i consigli di “Sentieri Naura” scendiamo verso Sud lungo la cresta delle betulle, non segnata ma ci sono le tracce, che richiede un minimo di attenzione in qualche passaggio. La dorsale si esaurisce all’ultima delle selle che avevamo traversato in salita dove si incontra un bivio (tabella, segn. 421), verso sinistra il sentiero compie un traverso sopra i dirupi in direzione NE (qui avevo sofferto nella mia precedente solitaria gita invernale) per poi abbassarsi ripidamente ai ruderi dello stavolo Borghi. Si continua più tranquillamente nel bosco fino a incontrare una forestale che scende a Travasans, in ultimo sgradevole cemento. Al paese chiediamo lumi a un abitante per evitare tortuosi giri, ci indica una scorciatoia fra i prati appena sfalciati che ci riporta al nostro parcheggio.

 Il Plauris da Moggio Alto

 Incontro con un educato motoalpinista

 La Forca di Moggessa

 La ruvis dopo la forca

Moggessa di quà

 Fra i viottoli di Moggessa

 Il rio Molino

 La chiesetta di Moggessa di là

9 Fioriture primaverili

 In sosta sulla strada per Monticello

 Morolz

 La Forca di Monticello

 La mulattiera per la cima

Erica sopra le caverne

Sernio e Grauzaria dalla dorsale

In Cima

 Dall'anticima N verso Monticello

 In discesa sulla cresta delle Betulle

La cresta delle Betulle

 Fiorellini sulla cresta

 Allo stavolo Borghi

 Il tratto cementato

 L'Abbazia di Moggio Alto

29 Aprile 2012, per il giro, comprese le numerose soste, circa otto ore, più di 1200 m di dislivello. Naturalmente l’approccio più comodo è quello da Grauzaria in val Aupa, ora l’asfalto arriva fino alla sella del Monticello riducendo il dislivello a circa 500m.

About these ads
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 47 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: