Home > Alpi Carniche > L’anello dell’Oregone (2385 m) dalla Val Visdende

L’anello dell’Oregone (2385 m) dalla Val Visdende

Il monte Oregone non è altro che una breve cresta erbosa della cresta carnica occidentale compresa fra il passo dallo stesso nome ad O (2278 m), a meridione è separato dal Peralba dal passo del Castello (2318 m). A Est si scende al Giogo Veranis e verso l’Austria il versante è più ripido e presenta anche delle pareti rocciose. Cima di interesse paesaggistico e senza difficoltà, l’approccio più comodo rimane quello dalla Val Sesis passando dal rifugio Calvi, ma per la nostra traversata il punto di partenza è l’amena Val Visdende, assai ricca di foreste quanto di divieti di sosta numerosi quasi quanto gli abeti. All’ingresso nella vallata teniamo ai bivi sempre la destra  giungendo a Costa d’Antola, di fronte alla trattoria da Plenta è lo spazioso (e deserta, vista la stagione) parcheggio, 1332 m. Una strada sterrata con il segnavia 134 e dal percorso francamente un poco noioso sale nell’abetaia fino alla Malga Chivion 1745 m in bella posizione. Da qui una carrareccia, in seguito sentiero con lo stesso numero, si dirige verso Est in terreno più aperto, i larici conservano ancora i loro aghi gratificandoci dei loro caldi colori nella bellissima giornata autunnale. Il mio unico compagno odierno è il solito Ermanno ancora in aspettativa prima di tradirmi per lo scialpinismo, di neve ne è già caduta ma in modesta quantità tanto per dare un poco di sale all’escursione. Il sentiero si alza sulla sinistra della valle dell’Oregone ben riconoscibile sotto il bianco manto fra le ostiche pareti argentate NO del Peralba e il dirupato versante della cresta carnica di confine fino ad arrivare ai due passi già nominati. Dal secondo (del Castello) ci alziamo su una traccia che passa accanto alla ex caserma e quindi per  la facile cresta sopra una trincea arriviamo alla massima quota dove è stata posta anche una modesta Croce.  La veduta, com’è dimostrato dalle foto, è molto vasta, bellissima quella sul gruppo e la val Fleons. Non resta che dirigersi a meridione traversando al Passo Sesis fra il Peralba e il Cjadenis, poi divalliamo transitando dal rifugio dedicato ai fratelli Calvi fino all’asfaltata che da Sappada sale alle sorgenti del Piave. Continuiamo a destra per la strada e prima di arrivare al rifugio delle sorgenti alla prima e anche unica biforcazione la prendiamo a manca, si tratta di uno stradello contrassegnato con il n. 136 che dopo qualche saliscendi di modesta entità perde rapidamente quota di nuovo nell’abetaia fino ad uscire a una forestale. Piuttosto lunga e dopo il guado di un limpido ruscello ci riporta al punto di partenza, l’osteria da Plenta resta serrata, migriamo in cerca di nuovi orizzonti per ristorarci. Sei ore e mezza tutto compreso, novembre 2011.

Brina a Costa d'Antola

 Malga Chivion

 Il gruppo del Rinaldo

 Peralba, a sin. il passo dell'Oregone

 Il sentiero per il passo

 Salita al Passo

Il sole sorge dalla cresta del Peralba

 Il monte Oregone

8Sul passo incombe il Tap de Cjadene

9Verso le Dolomiti di Sesto

L'ex caserma sull'Oregone

 Dalla cresta Fleons Volaia e Coglians

 Il Peralba dai pressi della cima

 In cima

 Traversata al Passo Sesis, la cima è il Pic Cjadenis

 Discesa al rifugio Calvi

 Rif. Calvi e Pic Cjadenis

La discesa in Val Visdende inizia in salita

 Fustaia di abeti

 Acqua cristallina nel guado

 Tabià con tasse millimetriche per l'invidia dei passanti

 Il Peralba da Costa d'Antola

About these ads
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 47 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: